I Marta sui Tubi tra le braccia di Partenope

Posted on aprile 21, 2011 di

0


MArta sui tubi

MArta sui tubi

La prima impressione che ho arrivando alla Casa della Musica di Napoli è che il pubblico dei Marta sui Tubi sia decisamente più giovane di quello di qualche anno fa. Poi mi ricordo di avere la patente scaduta, qualche capello bianco di troppo e qualche chilo in meno rispetto a qualche anno fa. E allora capisco che gli anni passano sempre più in fretta e non sempre è così male invecchiare.

Anche i Marta sui Tubi non sono più i ragazzi arroganti che intervistammo qualche anno fa. Sembrano cresciuti, maturati e pronti ad affrontare a testa alta un pubblico non certo facile come quello di Napoli con il loro nuovo lavoro “Carne con gli occhi“. I Marta sui Tubi si presentano questa volta con una band affiatatacomposta dallo storico duo Giovanni Gulino e Carmelo Pipitone, accompagnati da Ivan Paolini, Paolo Pischedda alle tastiere e Mattia Boschi al violoncello.

I Marta sui Tubi si presentano questa volta con uno spettacolo preparato nei minimi dettagli, lasciandosi alle spalle qualche storico brano di cui si è sentita la mancanza e aprendo le porte al loro nuovo lavoro, anticipando ogni brano con una piccola introduzione. Il pubblico accoglie calorosamente le novità del nuovo album, che ci regala pezzi meravigliosi come Cromatica o Carne con gli occhi e impazzisce per i vecchi brani ormai diventati classici, come La spesa, Vecchi difetti. 

Il tempo passa, si invecchia un po’ tutti. Ma ai Marta sui Tubi questi ultimi anni hanno decisamente giovato. Il promettente gruppo rock italiano è sparito. Siamo di fronte ad una grande realtà del rock contemporaneo.




Annunci