La scimmia pensa, la scimmia fa

Posted on novembre 17, 2009 di

0


Chuck Palahniuk, La scimmia pensa, la scimmia fa, Mondadori, Milano 2009

Un giornalista a spasso per l’America. Ma non un giornalista normale, un cronista d’assalto, ma uno dei più spietati osservatori della storia americana, nonché indubbiamente uno dei più grandi scrittori della letteratura americana. Chuck Palahniuk si immerge nei posti più insoliti, tra scontri con le mietitrebbe, spedizioni nei sottomarini, orge nei locali desolati della periferia americana, incontri con personaggi improbabili come Marilyn Manson.

Palahniuk è morbosamente attratto da questa america nascosta, dagli ultimi della terra che costantemente vengono consacrati nei suoi romanzi ed ora vengono analizzati, se così si può dire, con l’occhio oggettivo del giornalista. Eppure Palahniuk non riesce a prendere le distanze, è profondamente attratto da questa umanità e vi si butta dentro a capofitto, lsaciandosi coinvolgere pienamente.

Tagliente come sempre, cinico come ci ha insegnato nei suoi racconti, Palahniuk si mostra questa volta anche nei panni del critico letterario, ad intessere lodi per Amy Hempel ed Ira Levin per poi passare in rassegna i comportmenti della nuova umanità, di questo mondo di artisti, come in Voi siete qui.

E il titolo originale di questa raccolta (Stranger than Fiction) rende meglio il senso del discorso, poichè la realtà che stiamo vivendo è sempre più strana delle storie inventate.

Annunci
Posted in: Segnalazioni