KILLING TELEVISION: Santa Maradona di Marco Ponti (2001)

Posted on agosto 17, 2009 di

0


Santa Maradona di Marco Ponti (2001)

Santa Maradona di Marco Ponti (2001)

Il cinismo irriverente di Bart (Libero de Rienzo) trasborda dal personaggio e colora una pellicola altrimenti decisamente sbiadita. Lo scambio di battute tra il ptrotagonista del film Andrea (Stefano Accorsi) e Bart è spesso sopra i toni, brillante, perfetto nel ritmo e nella puntualità delle gag.

Il film è coivolgente, forse per l’attualità dei temi trattati, e disegna in modo impeccabile una generazione di tardo-ventenni indecisi, spiazzati da un mondo troppo veloce per essere compreso. Ragazzi sempre in ritardo per scelta e mai ritardati, mai ritardatari. Forse rimandatari ma per niente rinunciatar una generazione spesso descritta e forse mai compresa.

Torino poi affascina per il suo assenteismo, per la sua presenza ossessiva nei suoni elettonici dei Motel Connction (progetto parallelo di Samuel dei Subsonica), per gli interni intasati e colorati, per i grandi palazzi che ospitano grandi marchi aziendali.

Assente è anche Maradona e il suo estro, la sua fantasia. Rimane un ricordo sbiadito e rimesso in onda da emittenti locali per riempire buchi di palinsesesto in noiose ore pomeridiane. Perchè i sogni del Bim bum bam economico sono lontani, portandosi via i colori delle emittenti private e lasciandoci la slavatura di un italia grigia e decadente.

Un film da vedere aleno una volta. Solo una volta.

Annunci